Nelle cellule sane la respirazione cellulare avviene in presenza di ossigeno. Quando vi è una diminuzione di ossigeno nella cellula, essa fermenta, ossia compie una respirazione anaerobica, bruciando zuccheri al posto dell’ossigeno.

Numerosi esperimenti hanno accertato che:

1) in tutte le cellule sane la respirazione avviene con ossigeno;

2) in tutte le cellule tumorali vi è fermentazione, ossia respirano zuccheri al posto dell’ossigeno;

3) il cancro si forma esclusivamente in cellule dove vi è mancanza di ossigeno (anaerobiosi);

4) esiste una correlazione diretta e precisa tra fermentazione cellulare e sviluppo tumorale;

5) maggiore è la fermentazione cellulare e maggiore è l’avanzamento del cancro;

La chiave quindi è tutta nella respirazione cellulare, la quale nelle cellule sane avviene aerobicamente, ossia con la giusta concentrazione di ossigeno, senza fermentazione, mentre in quelle tumorali la respirazione è sempre anaerobica, ossia in assenza di ossigeno, con fermentazione degli zuccheri.

Lo squilibrio del pH corporeo non è un argomento recente.Nel 1931, il medico e fisiologo tedesco Otto Heinrich Warburg ha ricevuto il premio Nobel perché ha scoperto una differenza sostanziale tra le cellule tumorali e quelle normali. In sostanza, notò che le cellule tumorali avevano un pH basso perché tendevano a fermentare gli zuccheri e nel processo di questa fermentazione producevano acido lattico. Questa scoperta ha portato all’uso della PET, in tutti gli ospedali del mondo, per la diagnosi dei tumori e non solo.

Di fatto, la PET scova nel nostro corpo i siti nei quali c’è la produzione dell’acido lattico.Le cellule tumorali, sono in grado di produrre acido lattico e di riutilizzarlo e, soprattutto, non muoiono. Anzi, questa acidità iniziale porta ad una sorta di selezione clonale di cellule che sono armate per sopravvivere in un ambiente acido. Se prendiamo una cellula sana e la portiamo al pH di una cellula tumorale, che mediamente ha un valore pH di 6/6,5, vedremo che muore. Questo, quindi, è già un vantaggio selettivo perché tramite l’acidità il tumore si isola dall’organismo.Una volta che il meccanismo è scattato, ossia quando la cellula ha sostituito la respirazione aerobica con la respirazione anaerobica, a base di zuccheri, non basta ripristinare la concentrazione di ossigeno per riportare tutto alla normalità, ma occorre fornire dei particolari enzimi per invertire il processo. La fermentazione tumorale può essere bloccata e la respirazione aerobica può essere ripristinata in breve tempo con particolari enzimi contenuti in alcuni  rimedi.

Molti alimenti secchi contengono circa il 40% di carboidrati ,questi accellerano l’acidificazione dei tessuti con conseguente blocco enzimatico cellulare .

Un apporto di ossigeno adeguato e correttamente distribuito dipende da un pH sanguigno giusto e leggermente alcalino.Gli enzimi proteolitici (che digeriscono le proteine), prodotti dal pancreas, sono presenti nei fluidi e nelle strutture del corpo e costituiscono un elemento importante del nostro sistema immunitario, perché regolano la crescita e lo sviluppo delle cellule di ricambio di tutte le nostre strutture fisiologiche.

Un’alimentazione naturale specie se poco cotta apporta tutti gli enzimi necessari alle funzioni vitali specie alla respirazione cellulare .Con il calore tutti gli enzimi vengono alterati perdendo la loro attivita’ con il risultato di un’acidificazione generalizzata dei tessuti.

La medicina ufficiale scambia la causa con l’effetto e rimane convinta che la fermentazione e l’assenza di ossigeno siano l’EFFETTO del cancro e non la CAUSA!

In tutti i libri di medicina è riportato che il pH fisiologico è 7,4. Tuttavia, la gente è portata a pensare che acido sia 5 e alcalino sia 8, mentre un pH di 7,4 è chiaramente alcalino perché lo 0,4 dalla neutralità essendo il pH un valore logaritmico è in realtà “4”. Quindi, mi piace sottolineare che “noi siamo alcalini, mentre i tumori sono acidi”.

Bisogna combattere l’acidita’ tessutale per favorire l’azione degli enzimi proteolitici che hanno il compito di eliminare le cellule morte e regolare la crescita cellulare,si deve sostenere il sistema immunitario per difendere e aggredire il tumore ,antiossidanti per sostenere le cellule sane e quelle deputate alla difesa.

Bibliografia

1) Boyer, M.J., Regulation of intracellular pH in subpopulations of cells derived from spheroids and solid tumours, in Br. J. Cancer, vol. 68 (5), novembre 1993,pp. 890-897.
2) Davidson, B.R., Rai, R., Prolonged lactic acidosis after extended hepatectomy under in situ hypothermic perfusion, in Liver Transpl. Surg., vol. 5 (2), marzo 1999, pp. 151-152.
3) Davydova, I.G., Characteristics of the effects of artificial alkalosis on electrical activity of the brain and ultrastructure ofblood cells in oncologic patients, in Vestn. Ross. Akad. Med.Nauk., vol. 4, 1995, pp. 24-25.
4) Idem, Dynamics of bioelectric activity of the brain and erythrocyte ultrastructure after intravenous infusion of sodium bicarbonate to oncologic patients, in Biull. Eksp. Biol. Med., vol.113 (4), aprile 1992, pp. 352-355.
5) Dellian, M., Helmlinger, G., Yuan, F., Jain, R.K., Fluorescence ratio imaging of interstitial pH in solid tumours: effect of glucose on spatial and temporal gradients, in Br. J. Cancer, vol. 74 (8), ottobre 1996, pp. 1206-1215.
6) Giffles, R.J., MRI of the tumor microenvironment, in J. Magn. Reson. Imaging, vol. 16 (6), dicembre 2002, pp. 430-450.
7) Idem, Causes and consequences of hypoxia and acidity in tumors – Novartis Foundation symposium, in Trends Mol. Med., vol. 7 (2), febbraio 2001, pp. 47-49.
8) Idem, Causes and effects of heterogeneous perfusion in tumors, in Neoplasia, vol. 1 (3), agosto 1999, pp. 197-207.
9) Idem, The tumour microenvironment: causes and consequences of hypoxia and acidity. Introduction, in Novartis Found. Symp., vol. 240, 2001, pp. 1-6.
10) Griffiths, J.R., Causes and consequences of hypoxia and acìdity in tumour microenvironments, in Glia, vol. 12 (3), novembre 1994, pp. 196-210.
11) Griffiths, J.R., Why are cancers acidic ? A carrier-mediated diffusion model for H+ transport in the interstitial fluid, in Novartis Found. Symp., vol. 240, 2001, pp. 46-62; discussion pp. 62-77, pp. 152-153.
12) Idem, Causes and consequences of hypoxia and acidity in tumour microenvironments, in Bioessays, vol. 23 (3), marzo 2001,pp. 295-296.
13) Ladoux, A., Krawice, I., Cragoe, E.J.Jr., et al., Properties of the Na+-dependent Cl-/HCO3- exchange system in U937 human leukemic cells, in Eur. J. Biochem., vol. 170 (1-2), 30 dicembre 1987, pp. 43-49.
14) LeBoeuf, R.A., Intracellular acidification is associated with enhanced morphological transformation in Syrian hamster embryo cells, in Cancer Res., vol. 52 (1), gennaio 1992, pp. 144-148.
15) Lee, A.H., Tannock, I.F., Heterogeneity of intracellular pH and of mechanisms that regulate intracellular pH in populations of cultured cells, in Cancer Res., vol. 58 (9), 1 maggio 1998, pp. 1901-1908.
16) Mahoney, B.P., Tumor acidity, ion trapping and chemotherapeutics.I. Acid pH affects the distribution of chemotherapeutic agents in vitro, in Biochem. Pharmacol., vol. 66 (7), 1 ottobre 2003, pp. 1207-1218.
17) Martin, G.R., Non invasive measurement of interstitial pH profiles in normal and neoplastic tissue using fluorescence ratio imaging microscopy, in Cancer Res., vol. 54 (21), novembre 1994, pp. 5670-5674.
18) McLean, Anne, Malignant gliomas display altered pH regulation by NHE1 compared with transformed astrocytes, in Am. J. Physiol. Cell. Physiol., vol. 278, 2000, pp. C676-C688.
19) Newell, K., Studies with glicolysis-deficient cells suggest that production of lactic acid is not the only cause of tumor acidity, in Proc. Natl. Acad. Sci. USA, vol. 90 (3), 1 febbraio 1993, pp. 1127-1131.
20) Raghunand, N., Acute metabolic alkalosis enhances response of C3H mouse mammary tumors to the weak base mitoxantrone, in Neoplasia, vol. 3 (3), maggio-giugno 2001, pp. 227-235.
21) Idem, Enhancement of chemotherapy by manipulation of tumour pH, in Br. J. Cancer, vol. 80 (7), giugno 1999, pp.1005-1011.
22) Raghunand, N., Gillies, R.J., pH and chemotherapy pH, in Novartis Found. Symp., vol. 240, 2001, pp. 199-211; discussion pp. 265-268.
23) Raghunand, N., Tumor acidity, ion trapping and chemotherapeutics. II. pH-dependent partition coefficients predict importance of ion trapping on pharmacokinetics of weakly basic chemotherapeutic agents, in Biochem. Pharmacol., vol. 66 (7), 1 ottobre 2003, pp. 1219-1229.
24) Rotin, D., Steele-Norwood, D., Grinstein, S., Tannock, I., Requirement of the Na+/H+ exchanger for tumor growth, in Cancer Res., vol. 49 (1), 1 gennaio 1989, pp. 205-211.
25) Schornack, P.A., Contributions of cell metabolism and H+ diffusion to the acidic pH of tumors, in Neoplasia, vol. 5 (2), marzo-aprile 2003, pp. 135-145.
26) Star, R.A., Regulatory volume decrease in the presence of HCO3- by single osteosarcoma cells UMR-106-01, in J. Biol. Chem., vol. 267 (25), 5 settembre 1992, pp. 17665-17669.
27) Stubbs, M., Causes and consequences of acidic ph in tumors: a magnetic resonance study, in Adv. Enzyme Regul., vol. 39, 1999, pp. 13-30.
28) Idem, Causes and consequences of tumour acidity and implications for treatment, in Mol. Med. Today, vol. 6 (1), gennaio 2000, pp. 15-19.
29) Taguchi, N., Ishikawa, T., Sato, J., Nishino, T., Effects of induced metabolic alkalosis on perception of dyspnea during flowresistive loading, in J. Pain Symptom Manage., vol. 12 (1), luglio 1996, pp. 11-17.
30) Torigoe, T., Vacuolar H(+)-ATPase: functional mechanisms and potential as a target for cancer chemotherapy, in Anticancer Drugs, vol. 13 (3), marzo 2002, pp. 237-243.
31) Webb, S.D., Mathematical modelling of tumour acidity: regulation of intracellular pH, in J. Theor. Biol., vol. 196 (2), 21 gennaio 1999, pp. 237-250.
32) Idem, Modelling tumour acidity and invasion, in Novartis Found. Symp., vol. 240, 2001, pp. 169-181; discussion pp. 181-185.
33) Yamagata, M., The contribution of lactic acid to acidification of tumours: studies of variant cells lacking lactate dehydrogenase, in Br. J. Cancer, vol. 77 (11), giugno 1998, pp. 1726-1731.