Insufflazione rettale di Ossigeno-Ozono

Grazie a questa tecnica, l’Ossigeno-Ozono viene introdotto nell’organismo attraverso il retto e la sua mucosa, inducendo effetti sia sistemici che locali. In particolare l’effetto antiflogistico del gas e soprattutto l’azione antisettica, che disinfetta l’intestino.

Si tratta di una tecnica molto efficace in tutte le patologie infiammatorie acute e croniche dell’intestino crasso, la cui somministrazione è indolore, rapida, senza alcun rischio od effetto collaterale, la distruzione della flora batterica anaerobia (dannosa) ed il contemporaneo stimolo di quella aerobia permette una forte azione antinfiammatoria e di rivascolarizzazione e rigenerazione della mucosa intestinale.

Le principali indicazioni sono:

  • Rettocolite ulcerosa
  • Morbo di Crhon
  • Diverticolosi /ite
  • Stipsi cronica
  • Candidosi recidivanti
  • Stai infiammatori diffusi
  • Dermatiti
  • Allergie
  • Iperammoniemia da cirrosi epatica scompensata

Inoltre il drenaggio del sangue proveniente dall’intestino attraverso i vasi mesenterici, garantisce un immediato trasporto dell’ozono legato ai globuli rossi, attraverso le vie portali al fegato, con importanti indicazioni terapeutiche:

  • Patologie acute e croniche del fegato
  • Cirrosi epatica compensata e non

Nell’insufflazione rettale (la tecnica è assolutamente indolore).L’ozono viene in contatto con le pareti dell’intestino producendo reazioni chimiche simili a quelle indotte dalla grande autoemoterapia (quindi può essere utilizzata con le stesse indicazioni dell’autoemo, magari in pazienti con difficoltà di accesso venoso o di tipo psicologico), che invece deve essere condotta esternamente al corpo, aggiungendo al sangue la miscela gassosa.

Può anche essere utilizzata nei bambini, per il trattamento di patologie quali: autismo, disturbi gastrointestinali, deficit delle difese immunitarie, allergie, dermatiti, stati infiammatori, asma, depressione dell’umore. I trattamenti hanno una frequenza mono o bisettimanale.

link: Ossigenozonoterpia