INSUFFLAZIONE RETTALE CON OSSIGENO-OZONO

  1. L’insufflazione rettale con miscela gassosa di ossigeno e ozono è uno dei trattamenti più importanti per numerosi problemi di salute. Molte autorità sanitarie sono, ormai, convinte che le malattie cominciano dal colon e che per essere in ottima salute l’intestino deve funzionare normalmente. La stipsi è uno dei motivi principali per cui le persone si sottopongono a questa forma di trattamento. Tutti coloro che soffrono di flatulenza, distensione addominale, meteorismo, mal di stomaco, colite, oltre, naturalmente ad altre patologie extra-intestinali, come cefalea, artrite, disturbi della pelle ( acne, psoriasi, eczema ) ed altro. Un altro gruppo di pazienti che può trarre beneficio dall’insufflazione rettale di ozono sono i pazienti affetti da cancro. È noto infatti che questi soggetti hanno grandi problemi nella scomposizione e nell’assimilazione delle proteine, ma possono avere anche notevoli deficienze di vitamine, minerali e acidi grassi essenziali. La mucosa rettale beneficia notevolmente delle proprietà evidenziate, a cui si associa la notevole azione antisettica che garantisce una bonifica immediata della flora anaerobia e favorisce lo sviluppo della flora aerobia.

  2. Ne beneficiano patologie infiammatorie acute e croniche dell’intestino crasso: Rettocolite ulcerosa; Morbo di Crohn; Diverticolosi/ite; Stipsi cronica; Iperammoniemia da cirrosi epatica scompensata. Inoltre il drenaggio del sangue refluo dall’intestino attraverso i vasi mesenterici garantisce un immediato trasporto dell’ozono legato ai globuli rossi, attraverso le vie portali al fegato, con notevole indicazione in: Patologie acute e croniche del fegato; Cirrosi epatica compensata e non.

  3. Insufflazioni rettali, vaginali: la quantità e la concentrazione del gas varieranno in funzione della patologia da trattare (via vaginale nei casi di vaginiti, via rettale nelle candidosi intestinali…)
    • Colite ulcerosa
    • Morbo di Crohn
    • Infezioni da Candida (vaginali o intestinali)
    • Infezione da Papilloma virus
    • Infezioni croniche alle vie urinarie (cistiti ricorrenti)
    • Ipertrofia prostatica