IL RUOLO DEI GRASSI NELLA MEMBRANA CELLULARE E NELLA SALUTE

Lo sapete che la salute delle nostre cellule dipende dai grassi? Scopriamo il perché.

I grassi contenuti negli alimenti che mangiamo vanno a comporre la membrana delle cellule, che è costituita da un doppio strato di molecole grasse, dette fosfolipidi, in cui sono intercalati colesterolo e proteine. A dispetto di quanto si possa pensare, la membrana biologica non rappresenta solamente una barriera tra l’interno ed esterno, bensì funge da snodo imprescindibile per gli scambi e le interazioni tra la cellula e ciò che ne sta fuori.

Affinché la cellula possa svolgere in modo ottimale le proprie funzioni e comunicare con l’esterno la membrana biologica deve essere sufficientemente fluida ed adattabile.

Ecco il punto di collegamento con l’alimentazione. I fosfolipidi della membrana, infatti, possono contenere nella loro struttura gli acidi grassi del seguente tipo:

  • Grassi saturi: presenti soprattutto nella carne e nei prodotti caseari;
  • Grassi insaturi: contenuti negli olii vegetali, cereali integrali, semi oleosi e nel pesce;
  • Grassi trans: tipici degli alimenti industriali e sono prodotti dai trattamenti termici e dallo stress ossidativo.

L’equilibrio tra queste tipologie di grassi, insieme alla presenza di colesterolo, garantisce una membrana sufficientemente dinamica e flessibile, che facile ed ottimizza il funzionamento cellulare e le interazioni con le molecole esterne. Ciò non riguarda soltanto l’ingresso di nutrienti, ma anche la trasmissione degli opportuni segnali ormonali (es. insulina, ormone della crescita etc.).

La membrana biologica rappresenta il concetto chiave per comprendere i collegamenti esistenti tra l’alimentazione e l’infiammazione.

A riguardo un ruolo cardine è svolto proprio dai grassi, la cui rilevanza nell’ambito della salute è ormai indiscussa. E’ stato dimostrato, infatti, che un eccesso di grassi saturi contribuisce direttamente allo sviluppo delle patologie epatiche, cardiovascolari e neurodegenerative. Ma non finisce qui.

Tra i grassi insaturi ci sono i monoinsaturi, detti anche omega-9, tra cui spicca per importanza l’acido oleico, presente nell’olio di oliva e dalla confermate proprietà protettive a livello cardiovascolare. Inoltre i grassi polinsaturi possono essere a loro volta suddivisi in due classi: gli omega-6 e 3. Al primo gruppo appartiene l’acido arachidonico, che è contenuto per lo più nei grassi animali e da cui si formano potenti sostanze ad azione vaso-costrittiva, bronco-costrittiva, ipertensiva e pro-infiammatoria. Qualora il livello di queste molecole sia in eccesso si pongono le basi per l’esacerbazione dei processi infiammatori e degli squilibri metabolici.

D’altra parte gli omega-3 sono contenuti specialmente nel pesce d’acqua fredda, nelle verdure a foglia verde, in alcuni olii vegetali ed anche negli animali non d’allevamento (selvaggina). Tra questi è possibile citare l’acido alfa linolenico e l’EPA, dal quale si origina il DHA, che è molto abbondante nelle membrane dei neuroni e nella retina. In aggiunta l’EPA ed il DHA producono molecole che mettono un freno ai processi infiammatori, riducono la pressione arteriosa e l’aggregazione delle piastrine, oltre ad intervenire in numerosi altri funzioni. La carenza di grassi omega-3 è particolarmente grave in gravidanza e nei primi mesi di vita del neonato, soprattutto se non è allattato al seno, in quanto il latte materno è ricco di acidi grassi polinsaturi che servono al corretto sviluppo del cervello. In aggiunta un loro deficit può contribuire allo sviluppo di sintomi neurologici, ridotta acuità visiva, lesioni cutanee, ritardi nella crescita, riduzione delle capacità di apprendimento e disturbi di natura infiammatoria.

E’ bene precisare che è scorretto considerare gli omega 6 come “i cattivi” e gli omega 3 come “i buoni”. Ciò che conta veramente è il loro equilibrio.

In merito si stima che il rapporto ottimale tra gli omega 6 e 3 debba essere intorno al 4:1 o persino inferiore. Ebbene, la membrana delle cellule nei paesi occidentali di regola presenta un rapporto superiore a 10:1. Ciò potrebbe essere una spiegazione della notevole diffusione di patologie su base infiammatoria in queste nazioni. Diversi studi, infatti, hanno osservato che un rapporto equilibrato tra i grassi è protettivo nei confronti dello sviluppo di malattie metaboliche, epatiche (steatosi), infiammatorie croniche (es. artrite reumatoide) e neurodegenerative (es. Alzheimer).

Presso il Centro di Medicina Biologica è possibile effettuare l’analisi dello stato di salute delle membrane cellulari, che permette di valutare il funzionamento cellulare ed impostare un percorso di cura personalizzato.

Bibliografia essenziale:

  • Thorburn AN, et al. Diet, metabolites, and “western-lifestyle” inflammatory diseases. Immunity 2014 40, 833–842;
  • Lee D, et al. Diet in the pathogenesis and treatment of inflammatory bowel diseases. Gastroenterology 148, 1087–1106;
  • Simopoulos AP. An Increase in the Omega-6/Omega-3 Fatty Acid Ratio Increases the Risk for Obesity. 2016 Mar 2;8(3):128;
  • Calder PC. Functional Roles of Fatty Acids and Their Effects on Human Health. JPEN J Parenter Enteral Nutr. 2015 Sep;39(1 Suppl):18S-32S;
  • Mennitti LV, et al. Type of fatty acids in maternal diets during pregnancy and/or lactation and metabolic consequences of the offspring. J Nutr Biochem. 2015 Feb;26(2):99-111;
  • Dahan S, et al. Dietary factors in rheumatic autoimmune diseases: a recipe for therapy? Nat Rev Rheumatol. 2017 Jun;13(6):348-358;
  • Monteiro J, et al. The role of n – 6 and n – 3 polyunsaturated fatty acids in the manifestation of the metabolic syndrome in cardiovascular disease and non-alcoholic fatty liver disease. Food Funct. 2014 Mar;5(3):426-35;
  • de la Iglesia R, et al. Dietary Strategies Implicated in the Prevention and Treatment of Metabolic Syndrome. Int J Mol Sci. 2016 Nov 10;17(11).

 

Clicca sul seguente video per approfondire: