“La maggior parte delle malattie nascono nell’intestino”.

“Lo stato e il funzionamento del colon condizionano la salute del corpo”
Un’igiene alimentare e generale non adeguata sia fisicamente che psicologicamente può comportare l’alterazione della salute intestinale e conseguentemente di tutto l’organismo.

Nell’intestino sono contenuti, soprattutto nell’ultima parte intestinale (grosso intestino), circa un chilo di batteri, la famosa flora batterica, presente in circa 400 specie diverse di batteri in equilibrio tra batteri “buoni” e batteri “cattivi”.
La maggior parte dei microrganismi si trova nel colon e si diversificano nei vari tratti dell’apparato gastrointestinale in base alla struttura anatomica, alle diverse motilità dei vari segmenti, alla temperatura, al pH e all’alimentazione.

In base al comportamento nei riguardi dell’ospite è possibile distinguere 3 gruppi microbici .
Eubiotici   “buoni” = vivono in simbiosi con l’ospite e determinano il giusto equilibrio dell’ecosistema intestinale; sono (Lactobacilli, Bifidobacteri, Streptococchi), acidificano l’ambiente ed attaccano i carboidrati con il processo fermentativo.
Potenzialmente dannosi =  Proteus, Staphylococcus, Clostrium, Veillonella, Prevotella.
Potenzialmente patogeni = “possono” provocare patologie quando prendono il sopravvento su altre specie. (Escherichia, Bacterioides, Enterobacteria, Enterococcus), alcalinizzano l’ambiente ed hanno una attività prevalentemente proteolitica: determinano la putrefazione delle proteine  generando così sostanze tossiche.
Solo la prevalenza di quella buona (eubiotica) su quella cattiva (patogena) garantisce salute e benessere.
Lo stato fisiologico di equilibrio tra l’organismo e la flora batterica intestinale viene definito eubiosi.

A causa di uso improprio e/o eccessivo di antibiotici, di importanti stress, interventi chirurgici o patologie intestinali, la flora batterica patogena può prendere il sopravvento su quella eubiotica.
Si ha così quel fenomeno chiamato disbiosi, i cui principali effetti sono:
·  Flatulenza
·  Alvo non regolare
·  Diarrea
·  Stanchezza, depressione, cambiamenti d’umore
·  Tensione addominale
·  Gengivite cronica e Gastrite cronica
·  Pesantezza e gonfiore dopo i pasti
·  Eruzioni cutanee
·  Tendenza generale alle infiammazioni

Considerato che nel nostro intestino è localizzato circa l’80% del nostro sistema immunitario   è facile comprendere quanto sia importante per la nostra salute che non si alteri la flora eubiotica. Proprio da questo legame con il sistema immunitario nasce la relazione tra benessere intestinale ed intolleranze alimentari, che non fanno altro che aggravare i sintomi gastrointestinali e/o evidenziarne altri (anche generalizzati) correlabili alla presenza di una continua e persistente alterazione immunitaria e a un continuo perpetuarsi di uno stato infiammatorio.

Le intolleranze alimentari sono la tendenza dell’organismo a sviluppare ipersensibilità ad un alimento e/o ad una sostanza contenuta in un alimento e può essere mediata o da meccanismi enzimatici o dal sistema immunitario.

L’intolleranza alimentare è un fenomeno legato alla stimolazione ripetuta nel tempo del sistema immunitario da parte di un alimento, di un allergene o di un conservante; possiamo dire che per l’evidenziarsi di una intolleranza alimentare vi è la necessità di un lento e progressivo “avvelenamento” dell’organismo.

Numerose le patologie correlabili ad una intolleranza alimentare ne possono trarre beneficio:
Patologie del Cavo orale: edema della lingua, delle labbra, del palato, della faringe, placche, afte.
Patologie dell’ Apparato gastro-intestinale: nausea, crampi, dispepsia postprandiale, diarrea, vomito, addominalgia, flatulenza e meteorismo, sindrome del colon irritabile.
Patologie della Cute: eruzioni cutanee, dermatiti, prurito, eczema, orticaria.
Patologie dell’ apparato Respiratorio: Riniti, sinusiti, bronchiti, asma, tosse faringite o laringite recidivanti, poliposi nasale e sinusale, respiro corto, edema della glottide, asma.
Altro: Sovrappeso,cefalea,cistiti, vaginiti, candidosi, cistiti abatteriche.

Per mantenere il benessere intestinale occorre avere un’attenta alimentazione ricca di frutta, verdura, cereali integrali e in generale di cibi semplici e sani.

Oltre, corrette abitudini alimentari, per mantenere il nostro intestino in salute un valido aiuto è dato dall’idrocolonterapia.
Attraverso la pulizia a pressione, vengono eliminate scorie di feci vecchie di decenni, accumulate e stagnanti in tutto il circuito del colon, che inducono il corpo ad una rigenerazione e auto guarigione. Questo, spesso anche dopo poche applicazioni.

Acne, mal di testa, affaticamento, costipazione, allergie, irritabilità, nervosismo, depressione, addome gonfio, neurite, difficoltà di concentrazione, insonnia, problemi mestruali, gonfiore alle gambe, perdita della libido, alitosi, freddolosità, fragilità delle unghie e dei capelli, problemi di circolazione, lingua sporca, colorito giallastro, occhiaie, anemia. Sono queste, solo alcune delle affezioni più diffuse, le cui cause sono sempre più spesso collegate con la cattiva igiene dell’intestino

Un intestino sano, è il presupposto per un corpo in forma.
Una profonda pulizia intestinale con l’ idrocolon terapia, una sana alimentazione e un minimo di attività fisica, sono la premessa reale per un sano invecchiamento ed un ottima qualità di vita.