Nel campo della salute il termine infiammazione è molto usato, ma poche persone conoscono effettivamente a che cosa si riferisce e quali siano le sue caratteristiche. Inoltre, un numero crescente di patologie odierne è dovuto ad un incremento dei processi infiammatori, i quali, se fuori controllo, possono portare alla comparsa di sintomi e di alterazioni cellulari e fisiologiche. Scopriamo il perché.

Che cosa si intende per infiammazione?

L’infiammazione è costituita da un insieme di processi e di meccanismi fisiologici che hanno la finalità di mantenere l’integrità e l’unità dell’organismo in seguito alla comparsa di stimoli nocivi o pericolosi. Il processo infiammatorio da un lato promuove la rimozione dell’agente dannoso e dall’altro incentiva la messa in moto delle capacità di rigenerazione dei tessuti. Si tratta quindi di un fenomeno assolutamente naturale ed il cui obiettivo finale è quello di riportare l’organismo allo stato di equilibrio iniziale.

Le caratteristiche principali dell’infiammazione

Lo stato infiammatorio può essere classificato a grandi linee in infiammazione acuta ed infiammazione cronicizzata. La prima raggiunge l’acme nel corso di qualche ora o giorno ed è caratterizzata dalla comparsa di rossore, dolore e turgore. Questi fenomeni sono dovuti alla presenza di edema tissutale e dal reclutamento delle cellule immunitarie, in primis i neutrofili.

L’infiammazione è una risposta a fattori esterni o endogeni potenzialmente dannosi.

L’infiammazione cronica, invece, prende piede in seguito alla presenza permanente di stimoli nocivi, oppure quando il sistema immunitario non riesce a porre a freno la problematica. In questi casi si assiste ad una partecipazione maggiore da parte delle cellule immunitarie dette macrofagi e linfociti, insieme ad un rimodellamento e fibrosi dei tessuti. Ad ogni modo la suddivisione tra l’infiammazione acuta e cronica rappresenta una semplificazione didattica, in quanto le due forme di infiammazione possono essere simultaneamente presenti.

I fattori scatenanti

In maggior dettaglio i processi infiammatori vengono innescati da una molteplicità di fattori quali:

  • Agenti microbici patogeni;
  • Allergeni;
  • Sostanze irritanti;
  • Corpi estranei;
  • Molecole tossiche;
  • Derivati delle cellule danneggiate;
  • Cristalli di calcio, colesterolo o di acido urico;
  • Stress ossidativo;
  • Iperglicemia.

Il problema dell’infiammazione persistente

Nell’infiammazione cronica si assiste per definizione ad uno stato infiammatorio che non si risolve come dovrebbe accadere fisiologicamente ed avvengono parallelamente processi sia di danno che di riparazione. Gli agenti che provocano lo sviluppo di questa tipologia di infiammazione non sono riconducibili a quelli classici o ai meccanismi di difesa dagli agenti patogeni, piuttosto originano da tutti quei fattori che minacciano la salute psicofisica della persona. Infatti questo tipo di infiammazione è persistente, cioè che perdura per molti mesi o anni, è sterile, silente e sistemica con effetti su tutto l’organismo. Tutto ciò è promosso da un’ampia varietà di fattori biologici, ambientali e psicologici:

  • Infezioni croniche o recidivanti (es. virus erpetici);
  • Disbiosi intestinale;
  • Stress prolungato;
  • Disagio emotivo e disturbi del tono dell’umore;
  • Sedentarietà;
  • Alimentazione sbilanciata;
  • Accumulo organico di sostanze tossiche ed inquinanti.

Quali conseguenze della cronicità?

Se da un lato sappiamo che una reazione immunitaria insufficiente può abbassare le difese nei confronti delle infezioni, dall’altro una risposta immunitaria incontrollata e persistente può provocare notevoli danni alle cellule ed ai tessuti. Inoltre, queste lesioni rischiano di creare un vero e proprio circolo vizioso che rinforza la stessa infiammazione.

Sulla base delle evidenze scientifiche più recenti il mantenimento prolungato di uno stato infiammatorio, anche se sotto-soglia, contribuisce allo sviluppo delle malattie cardiovascolari, metaboliche (es. diabete), reumatiche, autoimmunitarie, neurodegenerative ed oncologiche.

Che cosa noi facciamo in caso di infiammazione

Il Centro di Medicina Biologica si occupa degli stati infiammatori silenti e cronicizzati attraverso analisi avanzate e percorsi terapeutici dedicati alla cura della persona. In particolare in sede di consulto siamo in grado di evidenziare un eventuale sbilanciamento del normale stato infiammatorio, delle capacità di risposta dell’organismo e dei livelli delle molecole ad azione pro o anti-infiammatoria, oltre a valutare gli effetti di questa condizione patologica a carico dei differenti sistemi. Infine, affrontiamo i disturbi e le malattie correlate tramite cure e trattamenti personalizzati sulla base delle condizioni di salute della persona, dei sintomi e delle analisi diagnostiche di approfondimento.

Se vuoi sapere di più sulle nostre attività contatta la segreteria. Saremo lieti di ascoltarTi.

Apri chat
Hai bisogno di risposte?
Ciao,
come possiamo aiutarti?