Purificare il sangue

Purificare il sangue è importante: il sangue è un vettore sia di sostanze benefiche che di tossine nocive per l’organismo. In questo articolo scopriremo perché purificare il sangue è così importante per restare in salute.

purificare il sanguePer capirne l’importanza e per comprendere perché purificare il sangue è utile, possiamo paragonare il sistema circolatorio all’insieme delle strade di una città. Di fatto il sangue mette in comunicazione tra loro ogni zona del corpo, fino ad assicurare ad ogni cellula il sostentamento necessario. Un efficiente circolo sanguigno apporta tutti i nutrienti e l’ossigeno necessari per il buon funzionamento delle cellule e, pertanto, di tutto l’organismo. Il torrente circolatorio non si occupa soltanto di trasportare i “rifornimenti”, ma anche di portar via i rifiuti che si producono normalmente dal metabolismo. Ecco perché il sangue subisce naturalmente un continuo processo di filtrazione e depurazione al fine di eliminare le sostanze indesiderate. Questi processi, tuttavia, possono essere rallentati da malattie e da un accumulo di tossine a livello organico predisponendo agli effetti dannosi legati alla tossicità.

Tanto più il nostro corpo riesce a sbarazzarsi delle tossine quanto più facilmente guadagniamo in salute ed in prevenzione.

Il sangue può arricchirsi di sostanze nocive provenienti sia dall’ambiente che dagli stessi processi metabolici. Nel primo caso la lista di inquinanti, solventi, detergenti, metalli pesanti, additivi, conservanti e prodotti sintetici cui siamo esposti ogni giorno è lunghissima. Si stima, infatti, che nell’ultimo secolo siano state introdotte più di 80 mila nuove molecole di sintesi, di cui solo una piccola percentuale è stata analizzata dal punto di vista tossicologico. Questo tipo di esposizione può avvenire attraverso il contatto cutaneo (es. tatuaggi), l’inalazione dei gas, l’ingestione di alimenti e l’utilizzo dei farmaci o droghe. Nel secondo caso, invece, si tratta dei prodotti di scarto dell’organismo o provenienti dalla flora intestinale, che possono incidere negativamente sul funzionamento di numerosi processi fisiologici.

Cosa accade se non si purifica il sangue?

L’accumulo di tossine e scorie metaboliche può intossicare l’organismo dando origine a sintomi eterogenei e spesso sottovalutati. Possono comparire per esempio:

  • Cefalea;
  • Spossatezza persistente;
  • Ritenzione dei liquidi con aumento di peso;
  • Disturbi epatici;
  • Sfoghi cutanei, acne o dermatiti;
  • Mialgie e debolezza muscolare;
  • Allergie;
  • Anemia;
  • Mancanza di concentrazione;
  • Disturbi del tono dell’umore ingiustificati;
  • Sensibilità alle sostanze chimiche ambientali ed agli odori.

In questi casi è raccomandabile detossificare il corpo in modo naturale e magari proprio purificare il sangue.

Una terapia detossificante è una cura sicura e realmente efficace per un ampio numero di disturbi. Si basa sull’ottimizzazione delle naturali capacità di auto-guarigione dell’organismo.

Migliorare il flusso sanguigno e linfatico è fondamentale per contrastare un blocco della circolazione dei liquidi e promuovere le capacità detossificanti. Da una parte aumenta il rilascio dell’ossigeno e dei nutrienti necessari per la detossificazione e, dall’altra, facilita i processi di eliminazione delle tossine. Tutto ciò consente, infatti, di ripristinare il flusso a livello degli organi emuntori (es. fegato, intestino) e delle aree congestionate, gonfie o infiammate. E’ ben noto che il flusso circolatorio è importante anche per un’adeguata diuresi renale. A proposito, si aggiunga che la detossificazione avviene anche a livello dei reni e ciò dipende strettamente dal pH del sangue. E’ stato dimostrato che l’alimentazione contemporanea ricca di prodotti processati e di origine animale determina un aumento dell’acidità metabolica. Questo comporta numerosi effetti negativi per la salute ed il metabolismo, tra cui il deterioramento del processo finale di detossificazione.

In conclusione il Centro di Medicina Biologica offre percorsi di detossificazione naturale, che, oltre a purificare il sangue dalle sostanze nocive ed indesiderate, rafforza le capacità protettive dell’organismo dall’ingresso delle tossine e migliora la loro metabolizzazione, neutralizzazione ed eliminazione definitiva.