Dieta depurativa fegato

La dieta depurativa del fegato è importante: perché? Il crescente diffondersi di parole come dieta detossificante, depurativa o detox mette in risalto l’importanza di detossificare l’organismo. In questo articolo ci soffermiamo in particolare sulla dieta depurativa per il fegato.

L’ambiente urbano in cui abitiamo rappresenta una fonte considerevole di molecole potenzialmente dannose per l’organismo. Pensiamo un attimo a quali prodotti chimici e di sintesi siamo esposti ogni giorno: inquinamento atmosferico e smog, additivi, conservanti (es. cosmetici), pesticidi ed erbicidi negli alimenti, detergenti di uso domestico, metalli tossici (es. mercurio, cadmio), tossine della plastica (es. ftalati), farmaci e molto altro. Insomma non poco.

Le ricerche scientifiche sull’esposizione acuta o cronica a queste sostanze ha dimostrato effetti nocivi sull’organismo. In merito numerose molecole tossine favoriscono lo stress ossidativo, interferiscono con l’equilibrio ormonale (es. ormoni tiroidei) ed hanno proprietà pro-infiammatorie o addirittura cancerogene.

Dieta depurativa del fegato grasso: come depurarsi davvero?

La prevenzione dei problemi che derivano dall’inquinamento e dall’esposizione alla tossicità inizia modificando il proprio stile di vita ed i nostri comportamenti. Bisogna ripulire l’ambiente esterno e depurare quello interno attraverso una sana alimentazione.

L’intossicazione cronica danneggia primariamente l’intestino ed il fegato, che fanno il possibile per correre ai ripari e proteggere l’organismo. Tuttavia, quando i sistemi di detossificazione intestinale ed epatico sono poco funzionanti si assiste ad un progressivo accumulo di sostanze tossine di origine ambientale, alimentare, farmacologica o accessoria (es. amalgame dentali). Ciò produce un aumento dello stress ossidativo e dello stato infiammatorio, una ridotta produzione di energia ed un impoverimento delle sintesi metaboliche. Uno squilibrio tra l’accumulo e l’eliminazione delle tossine può dare origine ad un ampio spettro di sintomi, all’apparenza eterogenei: Generalmente possono comparire:

  • Spossatezza persistente;
  • Problemi di concentrazione e di memoria;
  • Aritmie cardiache;
  • Disturbi gastro-intestinali ed epatici;
  • Mal di testa ricorrente;
  • Allergie;
  • Alterazioni del sonno e del tono dell’umore.

Come già accennato, certamente il fegato è uno degli organi più colpiti e la sua funzionalità diventa sempre più deficitaria. Una funzionalità che non può essere valutata semplicemente attraverso la comune analisi delle transaminasi, che sono un indice solo del grado di lesione delle cellule del fegato (e non delle reali capacità detossificanti). Per esempio persone con transaminasi nei limiti della normalità ed una serie di classici sintomi da intossicazione possono avere un grave deficit della capacità detossificante del fegato.

Quando si parla di dieta depurativa del fegato, bisogna ricordare che i processi di detossificazione del fegato possono essere divisi in tre fasi. La prima è svolta da una grande famiglia di enzimi sotto il nome di citocromi P450, che trasformano inizialmente le molecole tossiche. Un’alta esposizione alle tossine sovraccarica questo processo portando alla formazione di un eccesso di radicali liberi, che danneggiano il fegato. Inoltre, dato che molti farmaci inibiscono questa fase, è importante (come vedremo) che l’alimentazione sia sufficientemente bilanciata per sostenerne l’attività. Se ciò non avviene si può verificare un accumulo tossico della sostanza (es. farmaco con l’intensificarsi degli effetti collaterali) ed una reazione infiammatoria a livello epatico.

La fase II è deputata a rendere idrosolubili le tossine per poterle eliminare facilmente per via biliare o urinaria. Spesso è questa la fase meno attiva producendo un vero e propri blocco nella metabolizzazione delle tossine e la comparsa di stress ossidativo. Infine la fase III permette di trasportare i prodotti trasformati nel circolo ematico e nella bile per essere eliminati definitivamente.

La capacità detossificante dipende sia da caratteristiche genetiche, sia dall’esposizione ambientale che dal nostro stile di vita. In particolare dall’alimentazione.

dieta depurativa fegatoLa combinazione tra gli attuali problemi di stampo ecologico e quelli legati ad una cattiva alimentazione gravano sul fegato con un crescente carico di sostanze da detossificare. Basti pensare che i disturbi o le patologie indotti da farmaci colpiscono il 15-30% dei pazienti e sono responsabili di un elevato numero di ricoveri. Occorre pertanto ridurre il carico totale di sostanze tossiche seguendo innanzitutto semplici norme di igiene ambientale, come per esempio l’utilizzo di pentole in buono stato e non conservare gli alimenti in contenitori di plastica o a diretto contatto con pellicole di plastica o fogli di alluminio. Inoltre l’alimentazione deve essere fonte di nutrienti e non di sostanze potenzialmente dannose. Perciò stop agli alimenti fritti o processati e preferire quelli naturali e semplici. Ciò libera il fegato di un ulteriore fardello e gli consente di svolgere appieno altre funzioni.

In merito alla dieta depurativa del fegato – ed in particolare la dieta depurativa del fegato grasso – si aggiunga che il fegato è un organo molto esigente dal punto di vista nutrizionale e per i processi di detossificazione richiede la vitamina B2, B3, B6, B12, C, E, l’acido folico, i grassi fosfolipidi, gli antiossidanti, il selenio, lo zinco, il rame, il manganese, gli aminoacidi e composti solforati. Ciò richiede di porre particolare attenzione al consumo degli alimenti che apportino nutrienti e non siano solo un concentrato di calorie.

Dieta depurativa fegato grassoPer la dieta depurativa del fegato occorre adottare un’alimentazione sana basata su frutta e verdure fresche, cereali integrali, legumi, noci e semi. Inoltre i prodotti di origine vegetale sono anche ricchi di antiossidanti per la protezione dallo stress ossidativo. D’altra parte è bene ridurre il consumo dei grassi saturi, degli zuccheri semplici e dell’alcool. L’azione benefica e depurativa dell’alimentazione è dovuta anche alla sua azione anti-infiammatoria e di riequilibrio delle membrane cellulari, di fondamentale rilevanza per una buona detossificazione. Infine è opportuno introdurre un quantitativo sufficiente di proteine (di origine vegetale o animale) per sostenere l’imponente sintesi proteica a livello epatico.

Presso il Centro di Medicina Biologica è possibile effettuare percorsi di detossificazione naturale del fegato e di dieta depurativa per il fegato, che hanno il proprio focus su una corretta alimentazione. Quest’ultima, infatti, è fondamentale per ridurre il carico tossinico, garantire un introito adeguato per sostenere le funzioni di un organo in difficoltà e riequilibrare eventuali ostacoli metabolici come per esempio la resistenza insulinica e la steatosi epatica.