Dieta per il tumore al pancreas: alimentazione per i malati e dieta vegana

dieta tumore pancreasDieta per il tumore al pancreas: quale è la giusta alimentazione per i malati di tumore al pancreas, ed esiste una dieta vegana contro il tumore al pancreas? Per rispondere a queste domande, ricordiamo che il pancreas è un organo importante per la trasformazione ed il metabolismo dei nutrienti e contiene due tipi di ghiandole: quella esocrina ed endocrina. La prima produce gli enzimi necessari alla digestione come la tripsina, chimotripsina, amilasi e lipasi. La porzione endocrina, invece, contiene cellule raggruppate nelle cosiddette isole di Langerhans, che producono e secernono differenti ormoni coinvolti nel metabolismo (es. glucagone, insulina, somatostatina). Un gran numero di persone al mondo soffre per malattie che hanno come bersaglio il pancreas come per esempio il diabete e la pancreatite, che è una grave infiammazione del pancreas in forma acuta o cronica. Oppure, meno frequentemente, il tumore pancreatico.

Benché questo tipo di cancro sia meno comune di altri tipi di cancro (11° in ordine), esso è uno dei più pericolosi. Rappresenta una malattia complessa e che impiega molti anni per svilupparsi. Più specificatamente ne esistono due forme principali: l’adenocarcinoma (85% dei casi) ed il tumore endocrino pancreatico (<5%). È un tumore particolarmente aggressivo ed i cui sintomi clinici compaiono tardi.

La sua incidenza varia molto nelle varie popolazioni e nazioni raggiungendo il tasso più alto nel Nord America ed Europa (circa 7 casi su 100.000 persone). Viceversa i numeri più bassi sono in Africa e nell’Asia sud-centrale. Ne risulta che più della metà dei casi avvengono nelle nazioni industrializzate. L’incidenza di questo tumore è generalmente aumentata nel corso della seconda metà del XX secolo. Inoltre è maggiore con il passare degli anni essendo quasi il 90% dei casi diagnosticato dopo i 55 anni di età e solo raramente avviene prima dei 40 anni.

I tumori sono malattie multifattoriali, in cui interagiscono fattori genetici ed ambientali, ed è quindi possibile che una dieta contro il tumore al pancreas possa essere un valido aiuto.

Benché non sia possibile dare ancora una risposta completa al perché delle differenze di incidenza, si suppone che queste possano essere attribuite all’esposizione ai fattori di rischio collegati all’ambiente ed allo stile di vita. Si sa che il tumore al pancreas può insorgere in seguito a pancreatiti croniche oppure a causa di malattie genetiche congenite. Tuttavia si stima che solo il 5-10% dei casi di tumore al pancreas abbia una natura ereditaria. Benché le cause del tumore al pancreas sono ancora poco conosciute, nel corso delle ricerche scientifiche sono stati rilevati diversi fattori di rischio tra cui la genetica, il fumo, l’obesità, le malattie metaboliche, l’alimentazione, la sedentarietà. In merito al tabagismo si sa che il 30% dei casi può essere collegato a questa abitudine nociva, come sottolineato anche dall’International Agency for Research on Cancer. Il fumo, infatti, causa un incremento del rischio pari al 75%, persino negli anni seguenti la sua interruzione o in forma di esposizione passiva.

In aggiunta alle note mutazioni genetiche, la ricerca sta esplorando il ruolo dell’epigenetica nelle malattie oncologiche e ne sta mettendo in luce la crescente importanza. Per definizione l’epigenetica studia i cambiamenti ereditabili nell’espressione genetica senza che avvengano cambiamenti a livello della sequenza del DNA. Più in dettaglio i meccanismi epigenetici riguardano l’azione dei microRNA, la modifica delle proteine istoniche che sorreggono il DNA e la regolazione della metilazione del DNA, che sono processi ben noti nella cancerogenesi e nell’interferenza della stabilità genetica. Si ipotizza che alcune componenti alimentari possano influenzare dal punto di vista epigenetico i processi implicati nella funzionalità dell’insulina, dell’infiammazione e della regolazione cellulare.

Alimentazione nei malati con tumore al pancreas: cosa mangiare

Alimentazione nei malati con tumore al pancreasQual è la giusta alimentazione da seguire per i malati con tumore al pancreas? La ricerca suggerisce con forza che la dieta e il tumore al pancreas hanno una forte correlazione. In primo luogo gli studi confermano che il rischio raddoppia in presenza di obesità e si stima che circa il 12% dei casi sia attribuibile proprio all’eccesso ponderale.  Inoltre in ambito nutrizionale i risultati degli studi mostrano un’associazione tra l’incidenza del tumore al pancreas ed il consumo frequente o abbondante di carne, soprattutto quella processata o rossa. Sembra implicata anche la cottura ad alta temperatura dei prodotti di origine animale, in quanto si producono modificazioni proteiche e la creazione di composti mutageni prodotti durante la cottura o i processi di conservazione (es. ammine eterocicliche, idrocarburi policiclici aromatici). In aggiunta si sa che l’abuso di bevande fortemente alcoliche incrementa il rischio, così come il consumo degli zuccheri raffinati.

Meglio una dieta vegana contro il tumore al pancreas?

Dieta veganaTutto ciò ci aiuta a comprendere come la dieta vegana contro il tumore al pancreas – e quindi un’alimentazione ricca di frutta e verdure – possa essere ottimale nei malati di tumore al pancreas. Ulteriori evidenze suggeriscono che l’apporto di frutta e di verdura è inversamente associato al tumore pancreatico, come affermato anche dal The World Cancer Research Fund. Ciò è rafforzato dai risultati di un recente studio italiano, in cui è stato osservato che coloro che aderiscono di meno alla dieta mediterranea si ammalano di più. Pertanto la frutta e la verdura esercitano effetti protettivi. Questa relazione è attribuita ai meccanismi biologici deputati alla comunicazione e regolazione cellulare e dipende probabilmente dalle proprietà antiossidanti, anti-mutagene ed anti-proliferative di alcune componenti vegetali. Per esempio molte molecole fito-chimiche hanno proprietà anti-cancerogene, mentre la vitamina C sembra protettiva prevendo il danno genetica ed ai grassi polinsaturi, oltre a proteggerci dalla formazione di sostanze cancerogene a livello gastrointestinale.

C’è l’evidenza secondo cui alcune componenti alimentari sono associate al tumore del pancreas.

In merito ad altre vitamine gli studi hanno osservato una relazione inversa tra l’apporto dei folati ed il rischio di tumore pancreatico. L’importanza di questi derivati vitaminici deriva probabilmente dal loro ruolo nella sintesi, riparazione e modifiche epigenetiche a livello del DNA. In particolare un basso introito di folati riduce il tasso di metilazione del DNA, altera l’espressione genetica e promuove l’instabilità del genoma. Sappiamo in merito che la metilazione del DNA è coinvolta in molte tipologie di cancro, incluso quello pancreatico.

Il diabete sia di tipo 1 che di tipo 2 è collegato al rischio di sviluppare il tumore al pancreas contribuendo alla sua incidenza in un caso su dieci e con effetti a lungo termine sulla salute di quest’organo vitale. Infine altre evidenze mostrano un collegamento tra il tumore al pancreas ed altre condizioni cliniche come il morbo di Crohn e le ulcere gastriche, in cui è frequentemente implicato Helicobacter pylori.

Bisogna sottolineare che più di un paziente su tre sperimenta una significativa perdita di peso (più del 10%) rispetto al peso precedente la diagnosi. In aggiunta la maggior parte dei pazienti accusa dolore addominale, inappetenza o sazietà precoce, nausea, vomito, diarrea o costipazione. Questi aspetti sono accompagnati da cambiamenti nel metabolismo proteico e dell’equilibrio energetico. Per di più la malnutrizione, caratterizzata dalla perdita di peso e da un apporto insufficiente dei nutrienti essenziali, è alquanto comune e può sfociare in cachessia. In questi casi si assiste ad una notevole perdita del tessuto muscolare e da un generale abbassamento della qualità di vita. Senza tralasciare che la malnutrizione determina un maggior rischio di complicanze ed una minore risposta alle terapie. Ne risulta che dal punto di vita terapeutico è fondamentale stabilizzare il peso e la composizione corporea, che sono strettamente associati al decorso della malattia.

In conclusione, tenendo conto di quanto letto su dieta e tumore al pancreas, è sempre raccomandato rivolgersi ad uno specialista, poiché nell’approccio terapeutico al tumore al pancreas è necessario tenere conto di numerosi fattori dietetici, patologici e della relativa storia clinica.

Bibliografia essenziale:

  • Parkin DM, et al. The fraction of cancer attributable to lifestyle and environmental factors in the UK in 2010. Br J Cancer 2011; 105;
  • Glade M.J. Food, nutrition, and the prevention of cancer: A global perspective. American Institute for Cancer Research/World Cancer Research Fund, American Institute for Cancer Research, 1997. Nutrition 1999, 15, 523–526;
  • Bosetti C, et al. Pancreatic cancer: overview of descriptive epidemiology. Mol Carcinog 2012; 51: 3-13;
  • Genkinger JM, et al. A pooled analysis of 14 cohort studies of anthropometric factors and pancreatic cancer risk. Int J Cancer 2011; 129: 1708-1717;
  • Wu QJ, et al. Consumption of fruit and vegetables reduces risk of pancreatic cancer: evidence from epidemiological studies. Eur J Cancer Prev 2016; 25: 196-205;
  • Maisonneuve P, Lowenfels AB. Risk factors for pancreatic cancer: a summary review of meta-analytical studies. Int J Epidemiol. 2015 Feb;44(1):186-98;
  • Vrieling A, et a. Cigarette smoking, environmental tobacco smoke exposure and pancreatic cancer risk in the European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition. Int J Cancer 2010; 126 : 2394-2403 ;
  • Rosato V, et al. Population attributable risk for pancreatic cancer in Northern Italy. Pancreas 2015; 44: 216-220;
  • Calle EE, et al. Overweight, obesity, and mortality from cancer in a prospectively studied cohort of U.S. adults. N Engl J Med 2003; 348 : 1625-1638;
  • Appleby PN, et al. Mortality in vegetarians and comparable nonvegetarians in the United Kingdom. Am J Clin Nutr 2016; 103: 218-230;
  • JansenRJ, et al. Fruit and vegetable consumption is inversely associated with having pancreatic cancer. Cancer Causes Control 2011, 22, 1613–1625;
  • Larsson SC, Wolk A. Red and processed meat consumption and risk of pancreatic cancer: meta-analysis of prospective studies. Br J Cancer 2012; 106: 603-607;
  • Haugvik SP, et al. Diabetes, smoking, alcohol use, and family history of cancer as risk factors for pancreatic neuroendocrine tumors: a systematic review and meta-analysis. Neuroendocrinology 2015; 101: 133-142.