Il sovrappeso e l’obesità sono caratterizzati da un’alterazione della composizione corporea e da un eccesso di massa grassa. Rappresentano un importante problema di salute globale, in quanto sono associati allo sviluppo ed al peggioramento di numerose malattie croniche come quelle cardiovascolari.

La percentuale di persone con problemi di peso è raddoppiata nel corso degli ultimi 50 anni e nel mondo si calcolano più di 600 milioni di persone con obesità. Quest’ampia diffusione nella popolazione è conseguente a numerosi aspetti che coinvolgono lo stile di vita, la dieta, la sedentarietà e numerosi aspetti biologici ed ambientali che provocano alterazioni del peso.

In questo articolo andremo alla scoperta degli aspetti principali (e meno conosciuti) di cui bisogna tenere conto e scopriremo l’approccio efficace del Centro di Medicina Biologica nella cura del sovrappeso e dell’obesità.

Sovrappeso e obesità: i concetti chiave

Per definizione l’obesità è definita come un eccesso di peso corporeo in rapporto all’altezza. Il modo più semplice di valutare l’eccesso di peso è l’indice di massa corporea, che si misura tramite il rapporto: peso (in chilogrammi) su altezza (metri al quadrato). In particolare il sovrappeso è definito da un indice di massa corporea compreso tra 25 e 29,9 mentre l’obesità è associata ad un rapporto pari o superiore a 30. A fronte della sua facilità di calcolo anticipiamo fin da subito che questo indice non è una stima accurata dell’accumulo adiposo ed è ormai superato da analisi strumentali ben più valide (composizione corporea).

Oltre al peso è importante considerare altri aspetti importanti come per esempio la circonferenza vita, che evidenzia un maggior rischio di salute per valori superiori a 88 cm per le donne e 102 per gli uomini. È pertanto importante considerare dove è localizzata la massa grassa, la quale può depositarsi anche a livello cardiaco, epatico, renale e muscolare aumentando il rischio delle malattie cardiovascolari e metaboliche come il diabete.

Le cause dell’aumento di peso

Il sovrappeso è dovuto ad una molteplicità di fattori individuali, biologici, ambientali e legati allo stile di vita. Innanzitutto è ben noto che il peso dipende dal bilancio energetico, cioè dall’equilibrio tra l’apporto ed il consumo energetico. In caso di accumulo di peso ci può essere un apporto troppo elevato come nel caso di un’alimentazione eccessiva, oppure un dispendio troppo carente quando ci si muove poco e si fa poca attività fisica. In merito la sedentarietà correla con l’aggravamento dei disturbi associati e con le complicanze a livello muscolo-scheletrico. Ma non solo.

Il peso dipende da numerosi altri aspetti oltre a quelli citati come per esempio lo stato infiammatorio, ormonale, gastrointestinale e l’accumulo tossinico. Per di più non tutte le calorie sono uguali ed è ormai ben chiaro che non esiste un’alimentazione uguale per tutti, ma nei disturbi di salute questa deve essere personalizzata e monitorata grazie al supporto di uno specialista. Inoltre l’attività motoria deve essere sempre abbinata ad una sana alimentazione.

Il cambiamento dello stile di vita, dell’alimentazione e dell’attività fisica sono fondamentali.

nutrizioneIl nostro organismo possiede una regolazione naturale, che consente di tenere sotto controllo oscillazioni del peso troppo ampie. Tuttavia secondo le ultime ricerche si è riscontrato che nel sovrappeso e nell’obesità il corpo perde queste capacità di regolazione e assesta il suo livello di base su un peso più elevato rispetto alla normalità. Ecco perché può essere difficile per alcune persone dimagrire in modo adeguato. Esistono anche fattori genetici, che aumentano la suscettibilità di andare incontro ad un problema di peso a causa della loro influenza su numerosi meccanismi.

Obesità: quali rischi per la salute?

L’obesità rappresenta un forte fattore di rischio per le malattie metaboliche come la sindrome metabolica, il diabete di tipo 2, le malattie cardiache (es. infarto), l’aterosclerosi e l’ictus. Ma non solo, perché nella lista c’è anche un maggior rischio di steatosi o cirrosi epatica, suscettibilità alle infezioni (es. batteri, virus, funghi), malattie respiratorie, renali, apnee notturne e di vari tipi di tumori.

Aspetti importanti da considerare nella perdita di peso

Nei problemi di peso gli studi hanno messo in luce la presenza di frequente di uno stato infiammatorio silente e di resistenza insulinica, che denota un’alterazione del normale funzionamento dell’ormone pancreatico insulina. Ma gli squilibri ormonali non si limitano all’insulina, in quanto sono spesso riscontrabili alterazione dei livelli di cortisolo e di alcuni ormoni sessuali. Per di più nell’obesità è frequente evidenziare una condizione di stress ossidativo, che è conseguente allo sbilanciamento tra molecole reattive (es. radicali liberi) e la barriera antiossidante.

Si ottengono risultati migliori e più duraturi quando si è supportati da uno specialista.

A differenza di quanto si crede il sovrappeso e l’obesità non sono solo un problema di grasso, ma riguarda anche il deterioramento della massa magra, in particolar modo dei muscoli. Quest’ultimi possono andare incontro ad un calo della loro massa, qualità, forza e risposta ai nutrienti, in special modo in coloro che soffrono di altri disturbi o complicanze mediche oppure sono più anziani. È importante, pertanto, valutare insieme ad uno specialista lo stato della massa magra oltre a quella grassa. In particolare si raccomanda di rivolgersi ad uno specialista in caso di forte sovrappeso o obesità conclamata, soprattutto in presenza di una condizione di pre-diabete, diabete conclamato, ipertensione arteriosa e alterazione dei grassi nel sangue.

Il ruolo del metabolismo, del microbiota e degli inquinanti

Una condizione di forte sovrappeso porta a numerosi cambiamenti nel corpo e nelle cellule. Oltre all’esacerbazione dello stato infiammatorio e dello stress ossidativo si assiste ad un’alterazione della salute cellulare, in particolar modo delle “centrali energetiche” delle cellule: i mitocondri. Questi sono dei piccoli organelli all’interno delle nostre cellule, che svolgono innumerevoli funzioni tra cui il metabolismo dei nutrienti e la produzione di energia. Le evidenze scientifiche mostrano che in caso di obesità i mitocondri possono andare incontro ad un cattivo funzionamento, il che non può che ripercuotersi negativamente sulla salute di tutte le cellule.

In caso di problemi di peso è importante considerare lo stato metabolico, ormonale, gastrointestinale ed immunitario.

Il tratto digerente ospita naturalmente una straordinaria comunità di microrganismi (es. batteri, funghi, virus), che dà origine al cosiddetto microbiota. Il microbiota residente nell’intestino mostra una composizione specifica in ogni individuo e svolge funzioni importanti per la nostra salute come per esempio: la modulazione del sistema immunitario, la protezione dagli agenti patogeni, la regolazione del metabolismo e l’integrità della barriera intestinale. Il microbiota può contribuire in modo rilevante nell’aumento di peso e nella comparsa di disturbi metabolici come il diabete. A proposito numerosi studi hanno dimostrato una minore biodiversità microbica nei soggetti in sovrappeso e differenze significative rispetto alle persone in normopeso.

L’obesità è frutto dell’interazione tra stile di vita, dieta, comportamenti, genetica e ambiente.

Un altro aspetto da tenere in dovuta considerazione è l’influenza nociva dei fattori ambientali inquinanti. Non sembra che il numero crescente di persone in sovrappeso nel mondo debba essere ricondotta in toto al classico squilibrio tra apporto e dispendio energetico. Ma si ritiene che in questo quadro abbia posto anche il ruolo della tossicità ambientale. In particolare un vasto gruppo di sostanze chimiche di sintesi, dette distruttori endocrini, possono stimolare l’aumento della massa grassa e causare lentamente l’aumento di peso. Queste sostanze includono molecole tossiche, a cui la maggior parte della popolazione urbana è esposta giorno dopo giorno attraverso le plastiche, i detergenti, i ritardanti di fiamma, i metalli pesanti, alcune componenti cosmetiche, i pesticidi ed erbicidi.

L’approccio del Cembio per dimagrire in modo efficace

Come abbiamo detto il peso dipende da numerosi fattori, che devono essere valutati ed affrontati adeguatamente al fine di poter perdere il peso in eccesso e, soprattutto, mantenere nel tempo gli obiettivi raggiunti. È importante tenere a mente che il peso è il risultato ultimo di un problema sottostante e variegato, che deve essere compreso in tutte le sue variabili. Tralasciare uno o più fattori coinvolti nella gestione del peso rappresenta il motivo fondamentale del perché alcune persone incontrino da sole forti difficoltà a dimagrire.

L’approccio del Centro di Medicina Biologica nelle problematiche legate al peso ha l’obiettivo di mettere in luce e di gestire in modo completo gli aspetti ambientali, nutrizionali, metabolici, ormonali e psicologici coinvolti in un dimagrimento efficace. Il sovrappeso e l’obesità rappresentano importanti fattori di rischio per la salute e possono avere alle spalle differenti cause. Perciò è fondamentale che la cura e la terapia vengano personalizzati in chiave individuale, perché ognuno di noi è differente.

Il Centro di Medicina Biologica può aiutarti a risolvere i tuoi problemi di salute.

Il nostro centro si occupa dei disturbi correlati al peso tramite un approccio di medicina integrata e supporta la persona nel percorso del dimagrimento durante le tutte sue fasi. Nei nostri percorsi di cura utilizziamo test innovativi, terapie specifiche e monitoriamo i progressi in modo tale da massimizzare i risultati e ricominciare a prendersi cura di sé facendo una vera e propria prevenzione.

Se hai un problema di peso e vuoi prendere il controllo della tua salute gli specialisti del Centro di Medicina Biologica possono aiutarti tramite un’alimentazione corretta, cure ed analisi mirate al fine di impostare un dimagrimento salutare e di mantenere nel tempo i benefici ottenuti.

Contatta la nostra segreteria per informazioni o appuntamenti.

Bibliografia essenziale:

  • Apovian CM. Obesity: definition, comorbidities, causes, and burden. Am J Manag Care. 2016;22(7 Suppl):s176‐s185;
  • Kachur S, et al. Obesity and cardiovascular diseases. Minerva Med. 2017;108(3):212‐228;
  • Gérard P. Gut microbiota and obesity. Cell Mol Life Sci. 2016;73(1):147‐162;
  • Heindel JJ, Newbold R, Schug TT. Endocrine disruptors and obesity. Nat Rev Endocrinol. 2015;11(11):653‐661;
  • Karczewski J, et al. Obesity and inflammation. Eur Cytokine Netw. 2018;29(3):83‐94.
Apri chat
Hai bisogno di risposte?
Ciao,
come possiamo aiutarti?