L’endometriosi è una malattia femminile, che può provocare dolore pelvico, alterazioni del ciclo mestruale, ed infertilità. È uno dei disturbi ginecologici più frequenti nelle giovani donne. Prima di passare ad approfondire l’argomento è bene prima sapere che il termine endometrio si riferisce allo strato di mucosa che ricopre la cavità dell’utero nelle donne e che si modifica lungo il corso del ciclo mestruale.

Che cos’è l’endometriosi?

L’endometriosi è una malattia caratterizzata dalla presenza di un tessuto simile all’endometrio fuori dall’utero causando l’instaurarsi di una risposta infiammatoria persistente. I sintomi includono un forte dolore pelvico, specialmente in concomitanza del ciclo mestruale, che può essere molto doloroso (dismenorrea) o addirittura assente (amenorrea). In aggiunta sono possibili perdite di sangue vaginali, rettali, urinari, dolore intenso durante o dopo i rapporti sessuali, disturbi urologici e sintomi gastrointestinali come maldigestione, nausea o vomito. Questi sintomi possono essere più o meno intensi, ma generalmente incidono notevolmente sulla qualità di vita a casa e a lavoro.

L’endometriosi riguarda il 10-15% delle donne in età fertile ed il 35-50% delle donne con endometriosi sono infertili o hanno forti difficoltà a rimanere incinta.

I sintomi chiave

È un disturbo molto comune nel mondo più industrializzato e coinvolge circa una donna su dieci. Ma dalla sua comparsa generalmente trascorre un decennio prima della diagnosi definitiva. Inoltre secondo le ultime stime il 70% delle donne con dolore pelvico hanno forme di endometriosi. Non è infrequente assistere alla presenza concomitante di dolore pelvico, cistite e dolore neuropatico al muscolo elevatore dell’ano.

Causa multifattoriale

La causa dell’endometriosi non è stata ancora ben definita, ma trattasi sicuramente di una patologia multifattoriale, che dipende dalla presenza di fattori infiammatori, vascolari, ormonali e genetici. In questo disturbo si suppone il ruolo di alcune sostanze tossiche ed inquinanti in grado di far deviare la traiettoria normale degli organi pelvici fino a farli differenziare in direzione endometriosica. Inoltre secondo alcuni esperti vi potrebbe essere una migrazione spontanea di cellule dall’utero nelle zone vicine. Sono stati riscontrati alcuni fattori di rischio come la comparsa di un menarca precoce, cicli mestruali particolarmente corti o mestruazioni abbondanti, mentre la gravidanza riduce il rischio.

Meccanismi aberranti immunitari possono essere responsabili dei sintomi, soprattutto in presenza di infertilità. Si riscontra frequentemente un aumento delle molecole coinvolte nei processi infiammatori e nella crescita di nuovi vasi sanguigni favorendo la comparsa dei sintomi come il dolore pelvico. È stato osservato che una disfunzione biochimica e immunologica impedisce la rimozione del tessuto estraneo. Inoltre evidenze recenti sottolineano il ruolo dello stress ossidativo, cioè lo sbilanciamento tra la produzione di specie ossidanti reattive e le difese antiossidanti, nello sviluppo e progressione dell’endometriosi.

Il nostro approccio di cura

Nell’endometriosi è riscontrabile frequentemente forme di squilibrio ormonale con una spiccata reazione agli ormoni estrogeni. Di fatto l’endometriosi è una condizione dipendente dagli ormoni estrogeni e provoca la presenza e la crescita del tessuto tipico dell’endometrio in altra sede. Noi del Centro di Medicina Biologica ci occupiamo di questo disturbo attraverso un approccio funzionale e nel pieno rispetto della medicina biologica. Riteniamo che ci sia bisogno di una strategia più completa e che agisca sui fattori causali della malattia secondo le attuali conoscenze ed evidenze. In merito è opportuno correggere lo stile di vita, il profilo ormonale contrastando l’iper-estrogenismo, tenere a bada l’accumulo di tossine ad azione xeno-estrogenica (es. plastiche, pesticidi, metalli pesanti) e le reazioni infiammatorie silenti. Ciò che appare sempre più chiaro è il fatto che l’endometriosi sia una malattia epigenetica multifattoriale, che si sviluppa per interazione di una predisposizione genetica con i fattori ambientali.

Per informazioni ed appuntamenti contatta la nostra segreteria.

039 29 14 149

Bibliografia essenziale:

  • Ata B, et al. The Endobiota Study: Comparison of Vaginal, Cervical and Gut Microbiota Between Women with Stage 3/4 Endometriosis and Healthy Controls. Sci Rep. 2019;9(1):2204. Published 2019 Feb 18;
  • Czyzyk A, Podfigurna A, Szeliga A, Meczekalski B. Update on endometriosis pathogenesis. Minerva Ginecol. 2017;69(5):447–461;
  • Jiang L, Yan Y, Liu Z, Wang Y. Inflammation and endometriosis. Front Biosci (Landmark Ed). 2016;21:941–948. Published 2016 Jun 1;
  • Patel BG, et al. Pathogenesis of endometriosis: Interaction between Endocrine and inflammatory pathways. Best Pract Res Clin Obstet Gynaecol. 2018;50:50–60.
Apri chat
Hai bisogno di risposte?
Ciao,
come possiamo aiutarti?