La pratica della mindfulness è un valido aiuto in caso di stress e molti studi confermano i suoi effetti anti-stress e benefici. Vuoi saperne di più? Allor andiamo subito al punto!

Che cos’è la mindfulness

Il termine mindfulness si riferisce ad un insieme di pratiche, che prendono spunto dalla meditazione buddista e che trovano molti ambiti di utilizzo nel campo della salute e della prevenzione. Con mindfulness si definisce uno stato di consapevolezza che emerge tramite un’attenzione intenzionale e non giudicante alla propria esperienza nel momento presente. Per queste caratteristiche rientra a pieno titolo come nucleo di molte pratiche meditative di ogni tempo e luogo.

Accompagnati e supportati da uno specialista è possibile effettuare un training di mindfulness, che consente ai partecipanti di apprendere ad osservare la propria esperienza fatta di emozioni, sensazioni fisiche e pensieri senza rimanerne troppo catturati. Il tutto coltivando un atteggiamento di consapevolezza e di accettazione a ciò che succede dentro di noi ed imparando ad affrontare i momenti di stress e di disagio.

Mindfulness: apertura alla propria esperienza ed atteggiamento di presenza consapevole

Fin da quando fu sviluppata da John Kabat-Zinn agli inizi degli anni ’80, centinaia di studi ne hanno dimostrato l’efficacia della mindfulness e, perciò, è stata integrata in numerosi ambiti della salute. In particolare la mindfulness ha dimostrato di essere efficace per il benessere fisico e mentale sia per gli adulti che per i più piccoli. Inoltre i programmi basati sulla mindfulness possono essere utilizzati per la prevenzione dello stress cronico e del burnout lavorativo.

Gli studi scientifici hanno dimostrato che la pratica della mindfulness modifica positivamente le attività e le connessioni cerebrali come per esempio a livello della corteccia prefrontale, dell’ippocamo e dell’amigdala. In merito si assiste ad una diminuzione della grandezza e dell’attivazione dell’amigdala, che è la responsabile principale delle risposte da stress.

I concetti chiave

I concetti chiave della mindfulness sono i seguenti:

  • Stato di consapevolezza;
  • Attenzione;
  • Accettazione;
  • Decentramento.

Vediamo brevemente uno per uno il loro significato. Iniziamo dal primo: che cosa vuol dire consapevolezza? In poche parole vuol dire un’attenzione profonda a sé stessi momento dopo momento. Il secondo concetto chiave, l’attenzione, corrisponde all’atto di stare nell’esperienza presente, mentre l’accettazione significa saper accogliere ciò che raggiunge la mente liberi dal giudizio, resistenze o evitamenti. Infine il concetto di decentramento rimanda all’esperienza del qui e ora senza giudizi, ma con uno spostamento di prospettiva al presente e non più legati al passato o alle preoccupazioni del futuro. Con il sostegno di un esperto si può essere guidati ad una nuova modalità di vivere la propria esperienza fatta di sensazioni, emozioni o pensieri senza esserne sommersi.

Gestione dello stressstress

In caso di stress persistente da molto tempo è opportuno affrontare cambiamenti e scelte consapevoli al fine di riprendersi nuovamente cura di sé stessi. In tutto ciò la mindfulness è molto utile, in quanto il training interviene direttamente sui fattori correlati allo stress ed aumenta le capacità personali di adottare uno stile di vita più salutare.

Lo stress cronico è associato a ripercussioni negative a livello cognitivo, cardiovascolare, immunitario, gastrointestinale e metabolico. Pertanto ridurre i fattori di stress ed incrementare le proprie capacità di fronteggiarlo sono indispensabili per attenuarne gli effetti sulla salute nel corso del tempo. Ciò è fondamentale per avere uno stile di vita sano e fare prevenzione.

Nello stress c’è una pressione ambientale troppo forte rispetto alle risorse personali.

In seguito ad un percorso di minduflness si registra una riduzione del grado di stress psicofisico, dell’ansia, dei sintomi depressivi insieme ad un miglioramento del sonno e della qualità di vita. Inoltre avviene un tamponamento dei processi legati al rimuginio continuo, che interferiscono con le normali attività quotidiane e con il riposo mentale. Per di più la mindfulness ha dimostrato di ridurre gli effetti dello stress cronico ed interviene a beneficio del tono dell’umore. Se da un lato si abbassa il grado di pressione cui si è sottoposti, dall’altro, migliora la salute emotiva, la soddisfazione, le capacità di empatia e di compassione.

Scopri di più sulle nostre attività ed terapie contattando la nostra segreteria per informazioni ed appuntamenti.

 

Bibliografia essenziale:

  • Hants Williams, Leigh Ann Simmons, Paula Tanabe . Home Practice in Mindfulness-Based Cognitive Therapy and Mindfulness-Based Stress Reduction: A Systematic Review and Meta-Analysis of Participants’ Mindfulness Practice and Its Association With Outcomes.  J Holist Nurs. 2015 Sep; 33(3): 247–259;
  • Hofmann SG, Gómez AF. Mindfulness-Based Interventions for Anxiety and Depression. Psychiatr Clin North Am. 2017;40(4):739–749;
  • Tang YY, Tang R, Posner MI. Mindfulness meditation improves emotion regulation and reduces drug abuse. Drug Alcohol Depend. 2016;163 Suppl 1:S13–S18;
  • Janssen M, Heerkens Y, Kuijer W, van der Heijden B, Engels J. Effects of Mindfulness-Based Stress Reduction on employees’ mental health: A systematic review. PLoS One. 2018;13(1):e0191332. Published 2018 Jan 24.
Apri chat
Hai bisogno di risposte?
Ciao,
come possiamo aiutarti?